Il nostro WRC su Gamers – Tutti pazzi per i videogiochi!


Buonasera a tutti.
Non ho parlato ancora del nostro gioco ormai uscito ad Ottobre, ma ecco un filmato che parla per lui!!
Gamers una serie scritta dagli sceneggiatori di Camera Caf, ambientata in un negozio della catena Gamestop.

La notte inoltrata e il sonno molto, quindi…buona visione!

Saluti pazzi,
Marco

Boris: la fuoriserie italiana

Questa primavera, dopo il processo di convincimento di un mio collega mi sono deciso a vedere Boris.
Mi aveva dato in pasto le prime due serie…ma erano rimaste l nel cassetto.
Una volta cominciato, mi ha decisamente coinvolto.
Come potete vedere da qui la serie nasce nel 2007 come uno strano esperimento ricco di attori di un certo spessore.

Narra le disavventure di una troupe televisiva italiana che cerca di girare una fiction sullo stile di “Un posto al sole”, piuttosto che “Incantesimo”.

Oltre a essere recitato molto bene, permette a chi lo vede di ridere molto amaramente delle disavventure del nostro paese. Una risata che si spera sia liberatoria, pronta per esplodere in un nuovo impegno da parte di tutti per riuscire a far ritornare questo paese, un paese giusto e solidale con i suoi cittadini.
Per avere una idea chiara di questo ultimo pensiero, guardate e seguite attentamente il terzo filmato che parla de “La locura”.

…questa l’Italia del futuro; un paese di musichette mentre di fuori c’ la morte!
Questo afferma uno degli sceneggiatori…ma quanto vero in questo periodo?

In certe parti mi sono ritrovato nelle dinamiche che nel lavoro precedente con la pubblica amministrazione erano decisamente di ordinaria amministrazione e che mi causavano una sofferenza notevole.

Vedere gente di buona volont anche nel pubblico e il proprio lavoro soffocati da logiche assurde di parentele, amicizie che tutto sono tranne che la rappresentazione della professionalit… abbastanza deprimente.

Avete trovato tre assaggi, ma vi consiglio di correre immediatamente a comprare la prima stagione in DVD.
Ne vale veramente la pena!

…a novembre…esce il film!

Dai dai dai!

Marco

Ho visto Draquila…

…e non pensavo potesse colpirmi cos tanto. Partendo dall’analisi del terromoto, la Guzzanti delinea un panorama globale dell’attuale e povera situazione italiana.
Fa riflettere l’ultima parte del film che lascia una ulteriore, amara riflessione:
Le frasi e le testimonianze di chi le dittature vere le aveva vissute davvero erano tutte pi o meno: non credevamo che potesse durare, non immaginavamo potessero arrivare a tanto. questa la dittatura della merda, vuota e fasulla, niente torture, niente olio di ricino. E ci che la fa andare avanti lillusione da parte degli italiani oppositori che ci che vuoto e fasullo non possa durare. E invece dura. Eccome
(Ferdinando Taviani)

Saluti senza parole,
Marco

La mia partenza al mattino…


Dal grande Fantozzi, un riassunto di quella che la mia mattina tipo per andare in stazione…e la dimostrazione di quanto sia inossidabile e triste il primo ciclo di Fantozzi.

Da notare..”No, non lo aiutare senn squalificato, deve arrivarci da solo…“…tremendo.
Adesso mi butto nella grande esperienza Heavy Rain!!!

Saluti serali,
Marco

Non morti dal ridere…

La locandina del film

La locandina del film


In queste sere natalizie ho tirato fuori uno di quei film comprati nei miei shopping da sabato mattina alla FNAC ma ancora da scartare.

Il titolo italiano orrendo:

“L’alba dei morti dementi”

Il discorso horror con zombie mi ha sempre affascinato, poi in questo periodo sembra che, purtroppo, vada di moda.
A partire da Forbidden Siren, passando da Left 4 Dead e Dead Rising, ecco qui che la serata del 27 dicembre passata vedendo questo film.
Non anticipo nulla del film, che pu essere visto nelle sue parti migliori su Youtube, ma il mix di genere tra demenziale stile inglese (ben fatto e non caciarone e sboccato come il peggior demenziale americano) e atmosfera horror con tensione la “28 giorni dopo” a me sono piaciuti.

Un misto di leggero timore mi ha accolto quando si aperto l’ascensore di casa dei miei amici da cui sono andato a vedere il film.

Il trailer pu dare una idea del tono del film.

Buona visione!

Un pallido saluto,
Marco

I’m gonna live forever, I’m gonna learn how to fly


Before beginning a new busy period, I want to share with you a short piece of film “Fame”, where the Martelli’s father goes in front of the school and turns his radio on using his son’s music tape.
I don’t know if I’m a really sensitive person, but I like this moment of the story.

“Out of holidays” cheers,

Marco

Mirko e i videogiochi


Per i miei impegni con l’inglese non riesco a vedere “Mai dire marted”; fortunatamente c’ YOU TUBE, che mi regala le perle di Mirko.
Eccone qui una, proprio oggi che, in una discussione a tavola a un matrimonio (mangiando come un maiale) si parlava del troppo coinvolgimento dei videogiochi che rischiano di far mischiare realt con la fantasia…sentite Mirko come parla dei tedeschi della seconda guerra mondiale.

Buona settimana!

Saluti,
Marco